Whistleblowing – Art. 54 bis d.lgs. n. 165/2001

La disciplina della tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti è contenuta nell'art. 54 bis del Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dall'art. 1 della Legge 30 novembre 2017, n. 179.

Il whistleblower, ai sensi del comma 2 dell’art. 54 bis, è il dipendente pubblico ovvero il lavoratore o collaboratore di impresa fornitrice di beni e servizi e che realizza opere in favore dell'amministrazione pubblica, il quale, nell'interesse dell'integrità della pubblica amministrazione, segnala al Responsabile della prevenzione della corruzione dell'ente pubblico condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro.

Possono accedere alla procedura di gestione delle segnalazioni unicamente i dipendenti dell'INL e i lavoratori e collaboratori di impresa fornitrice di beni e servizi che realizzano opere in favore del medesimo INL, attraverso la piattaforma informatica dedicata, conforme ai requisiti di sicurezza prescritti dall'ANAC, raggiungibile al seguente link https://ispettorato.segnalazioni.net/.

L’INL ha altresì approvato, con D.D. 35 del 19 ottobre 2021, apposite Linee Guida con cui regolamenta, a far data dal 1 novembre 2021, il procedimento relativo alle segnalazioni inoltrate da propri dipendenti e relative a reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro.

Non potranno essere prese in considerazione segnalazioni provenienti da soggetti diversi da quelli sopra indicati.

Data di creazione: 24/05/2021
Data di ultima modifica: 08/02/2022

Torna all'inizio del contenuto